Una seconda ondata di COVID-19 a Jilin

Una seconda ondata di COVID-19 a Jilin

17 Maggio 2020 Off Di RM

Questa settimana è stato imposto un blocco del coronavirus in una seconda città della Cina.

Una città cinese nord-orientale ha parzialmente chiuso i suoi confini, tagliato i collegamenti di trasporto e chiuso le scuole dopo l’emergere di un cluster di coronavirus locale che ha alimentato i timori per una seconda ondata di infezioni in Cina.

La città di Jilin, con una popolazione di oltre quattro milioni, ha sospeso i servizi di autobus ieri e ha detto che consentirà ai residenti di lasciare la città solo se si sono rivelati negativi per Covid-19 nelle ultime 48 ore e hanno completato un periodo non specificato di “sé severo” -isolamento”.

Tutti i cinema, le palestre al coperto, gli Internet café e gli altri luoghi di intrattenimento chiusi devono chiudersi immediatamente e le farmacie devono segnalare tutte le vendite di febbre e medicine antivirali, ha affermato il governo locale in una nota.

Jilin è la seconda città più grande della provincia di Jilin che confina con la Russia e la Corea del Nord.

Un gruppo di infezioni è stato segnalato nel sobborgo di Shulan nella città di Jilin durante il fine settimana, con il vice sindaco di Jilin che ha avvertito ieri che la situazione era “estremamente grave e complicata” e “c’è un grande rischio di ulteriore diffusione”.

La città di Jilin, con una popolazione di oltre quattro milioni, ha sospeso i servizi di autobus ieri e ha detto che consentirà ai residenti di lasciare la città solo se si sono rivelati negativi per Covid-19 nelle ultime 48 ore e hanno completato un periodo non specificato di “sé severo” -isolamento”.

Tutti i cinema, le palestre, gli Internet café e gli altri luoghi di intrattenimento devono chiudere immediatamente e le farmacie devono segnalare tutte le vendite di medicinali per febbre e antivirali, ha affermato il governo locale in una nota.