L’Arizona cita in giudizio Google per aver tracciato illegalmente gli utenti Android

L’Arizona cita in giudizio Google per aver tracciato illegalmente gli utenti Android

28 Maggio 2020 Off Di RM

Il procuratore generale dell’Arizona Mark Brnovich ha intentato una causa contro Google per accuse che la società ha tracciato illegalmente la posizione degli utenti Android senza il loro consenso e anche quando le funzionalità di localizzazione erano state disabilitate manualmente, secondo un rapporto del Washington Post.

La causa sostiene che Google ha mantenuto il tracciamento della posizione in esecuzione in background per alcune funzionalità, come le ricerche web utilizzando il suo motore di ricerca e il browser Chrome, anche dopo che l’utente ha disabilitato il rilevamento della posizione specifico dell’app.

Solo quando un utente ha approfondito le impostazioni del sistema Android e ha disattivato il tracciamento a livello di sistema più ampio, Google ha smesso di sottrarre di nascosto i dati sulla posizione, sostiene il reclamo.

Google si è trovato in controversie simili in passato sul tracciamento della posizione degli utenti Android. Nel corso degli anni la società ha risposto alle preoccupazioni sulla privacy con varie misure, come semplificare l’eliminazione automatica dei dati sulla posizione e bloccare le app di terze parti offensive che lo fanno senza consenso. Ma i suoi sforzi per migliorare le protezioni della privacy e le varie impostazioni che devi monitorare per assicurarti di non essere monitorato eccessivamente rimangono complesse e confusi per gli utenti medi e spesso può sembrare impossibile tenere sotto controllo quanto Google sa di te e quali fonti di dati mantiene.