Due casi di peste in Mongolia

Due casi di peste in Mongolia

3 Luglio 2020 Off Di RM

Il virus contratto dalle marmotte

La Mongolia ha messo in quarantena la regione occidentale al confine con la Russia dopo aver identificato due casi sospetti di peste nera legati al consumo di carne di marmotta.

Test di laboratorio hanno confermato che due individui avevano contratto la “peste di marmotta” nella regione di Khovd, secondo il Centro nazionale per le malattie zoonotiche della Mongolia (NCZD).

L’NCZD ha messo in quarantena il capoluogo di provincia e uno dei distretti della regione, a circa 500 chilometri a sud delle repubbliche siberiano di Tyva e Altai.

Ai veicoli è vietato l’ingresso nella regione.

L’NCZD ha analizzato campioni prelevati da 146 persone che avevano contatti con le due persone infette e identificato 504 individui di secondo contatto.

La Mongolia ha chiuso un passaggio di frontiera chiave con la Russia nel maggio 2019 con il sospetto che possa aver avuto un ruolo nello scoppio di una pestilenza, bloccando numerosi turisti russi. Due coniugi marito erano morti dopo aver mangiato carne di marmotta in quell’incidente.

Gli esperti sostengono che i discendenti diretti della stessa peste bubbonica, che ha ucciso 50 milioni di persone nel 14 ° secolo, esistono ancora oggi, uccidendo circa 2.000 persone all’anno.