Un spray orale svedese contro la COVID-19

Un spray orale svedese contro la COVID-19

22 Luglio 2020 Off Di RM

Il ColdZyme, un comune trattamento per il raffreddore, uccide il 98,3% dei virus

Uno studio cerca di stabilire se l’infezione possa essere bloccata attraverso i siti di infezione primaria, cioè naso e bocca, somministrando farmaci locali.

L’annuncio è stato fatto da una società svedese, la Enzymatica, che ha affermato che uno spray per bocca, il ColdZyme, ha il potenziale di uccidere un’elevata percentuale del virus mortale SARS-COV2, un virus che ad oggi ha già infettato 14,8 milioni di persone, con oltre 600.000 morti.

La compagnia farmaceutica ha condotto prove pre cliniche del farmaco e ha trovato risultati positivi contro la malattia.

Sono stati effettuati diversi cicli di prove in vitro in cui è stato osservato che il farmaco, ColdZyme, utilizzato nel trattamento del comune raffreddore (causato da un altro tipo di virus) è stato in grado di eliminare il virus SARS-COV-2 e di fornire anche una protezione contro diversi tipi di altri virus.

Lo spray funziona iniettando direttamente la soluzione in bocca e quindi si concentra sulla contaminazione del virus a livello superficiale e locale. Lo spray è costituito da glicerolo e tripsina di merluzzo atlantico e crea una barriera contro batteri e virus e ne abbassa la potenza.

La società affermato che lo spray possiede anche un’azione rapida, e quindi potrebbe effettivamente sradicare il virus mortale, probabilmente più velocemente di qualsiasi test o di altra forma di trattamento.

In un test, il ColdZyme ha disattivato la SARS-CoV-2 del 98,3% in 20 minuti.

Secondo gli esperti, potrebbe essere utile fermare e prevenire le infezioni COVID-19 (da lievi a moderate), perché il SARS-COV-2 può bloccarsi nella bocca e nelle cavità nasali e iniziare a replicarsi nella gola, prima di attaccare altri organi vitali del corpo. Il prodotto in esame potrebbe funzionare diminuendo la carica virale del virus attivo e, di conseguenza, fermando qualsiasi attacco.

Il farmaco, normalmente in commercio, non produce alcun tipo di effetti collaterali nocivi o tossicità nell’ospite.

“Inoltre, non è stata rilevata alcuna citotossicità per ColdZyme a qualsiasi diluizione testata. Lo studio è stato condotto dalla società statunitense Microbac Laboratories Inc – un laboratorio indipendente accreditato e certificato“.

L’azienda è molto fiduciosa che il suo prodotto soddisfi tutti i requisiti di sicurezza e possa emergere come farmaco salvavita contro la pandemia. I funzionari svedesi affermano inoltre che, poiché lo spray per la bocca è un prodotto di uso molto comune, non ci saranno molti pericoli se il prodotto passa agli studi clinici. Inoltre, questo farmaco potrebbe estirpare altri tipi di coronavirus.

“Anche se gli attuali risultati in vitro non possono essere direttamente tradotti in efficacia clinica, è molto interessante che il ColdZyme sia in grado di disattivare efficacemente la SARS-CoV-2 in vitro, poiché costituisce una prova di principio che può essere portata avanti negli studi clinici. Pertanto, i risultati indicano che il ColdZyme può offrire una barriera protettiva contro la SARS-CoV-2”, ha letto un briefing di Claus Egstrand, Chief Operating Officer di Enzymatica.