In Norvegia abbattono un palazzo con opere di Picasso

In Norvegia abbattono un palazzo con opere di Picasso

28 Luglio 2020 Off Di RM

Proteste ad Oslo contro la demolizione di un edificio governativo

Il governo norvegese sotto attacco per la sua decisione di abbattere un edificio storico decorato con 2 murales giganti di Pablo Picasso.

L’iniziativa fa parte di un progetto di ricostruzione del quartier generale del governo che aveva subito danni nell’attacco terroristico di Anders Breivik del 2011.

L’opera di Picasso è visibile all’esterno e all’interno dell’edificio, tra cui Il pescatore, che è stato sabbiato su una facciata di 250 tonnellate. Un altro murale sabbiato dell’artista spagnolo è visibile all’interno dell’edificio: Il Gabbiano, un’opera d’arte dal pavimento al soffitto che adorna una parete nell’atrio dell’edificio Y.

Picasso ha collaborato con lo scultore norvegese Carl Nesjar, che ha trasformato i progetti dell’artista spagnolo in opere massicce di cemento a New York, Barcellona, Oslo e altre città.

Utilizzando un’intera parete esterna dell’edificio Y, Nesjar ha dato al Pescatore di Picasso un posto di rilievo nella capitale norvegese.

L’edificio Y, una struttura bassa, costruita nel 1969, e così chiamata per la sua forma dall’alto, ha ospitato il ministero dell’Istruzione fino al 22 luglio 2011, quando il militante anti-islamico Anders Behring Breivik ha fatto esplodere una bomba nelle vicinanze.

Entrambe le opere d’arte saranno rimosse e conservate per essere installate altrove, anche se gli attivisti dicono che l’edificio e l’arte sono fatti l’uno per l’altra.