regina degli scacchi

30 anni di battaglie per produrre la “Regina degli Scacchi”

Nessun produttore credeva in un film sugli scacchi

Dopo 9 riscritture e tanti rifiuti è arrivata Netflix

“La regina degli schacchi” (The Queen’s Gambit) è stata vista da 62 milioni di persone, la mini-serie più vista su Netflix.

Il produttore Alan Scott (81 anni) ha raccontato alla BBC che ci sono voluti 30 anni e nove riscritture, ed ogni casa di produzione cui l’ha mostrato gli ha detto che nessuno al mondo sarebbe stato interessato ad una storia sugli scacchi.

Scott aveva acquistato i diritti del libro di Walter Tevis nel 1980, e il progetto, oltre lo scetticismo dei produttori, è incappato anche nella sfortuna, come la morte di Heath Ledger, l’attore di Patriot e del Joker ne “Il cavaliere oscuro”, che era interessato a dirigerlo per il grande schermo nel 2007.

Alan Scott, che è anche dietro a “Priscilla la Regina del Deserto”, lo aveva proposto anche a Bernardo Bertolucci, il regista del film “L’ultimo imperatore” e “Ultimo tango a Parigi”, ma come altri 8 registi, anche a Bertolucci il tema scacchi non piaceva.

Poi Alan Scott ha coinvolto nel progetto Scott Frank, che ha scritto Minority Report, e il soggetto fu convertito da film a serie TV e della lunghezza desiderata da Netflix

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su