maxresdefault-768x350

Abbiamo bisogno di più blockbuster che affrontino le questioni ambientali

Lo dice il regista di film catastrofici Roland Emmerich

Famoso per film come The Day After Tomorrow del 2004, in cui un’improvvisa tempesta mondiale fa precipitare l’intero pianeta in una nuova era glaciale, il regista Roland Emmerich parla del motivo per cui è importante presentare il problema del cambiamento climatico sul grande schermo.

Il regista tedesco dice che gli studi cinematografici – che si dichiarano impegnati a essere più ecologici – devono smettere di commissionare film di supereroi che finiscono con la salvezza del mondo: non é questo il modo di svegliare la gente.

“A volte un grande blockbuster è la cosa giusta per svegliare le persone… e ogni volta che si tratta di uno scenario da fine del mondo, o sulle decisioni di vita o di morte, fa crescere la consapevolezza bella gente comune, perciò, penso che ogni cosa aiuti, e si deve mostrare alla gente che questo accadrà o può accadere.”

Il classico di Emmerich del 2004, The Day After Tomorrow, potrebbe aver dipinto uno scenario estremo, in cui un’improvvisa tempesta mondiale fa precipitare l’intero pianeta in una nuova era glaciale, ma dice che è necessaria una licenza artistica per far riflettere la gente.

Il regista afferma di non essere convinto dagli impegni sul cambiamento climatico assunti dai paesi al vertice COP26 tenutosi a novembre.

“I politici non stanno facendo nulla”, ha detto. “Hanno questa cosa enorme in Scozia e non succede davvero nulla, gli obiettivi spingono sempre le cose in avanti. Nessuno sta facendo nulla di radicale perché nessuno può fare nulla di radicale – e questo mostra come l’intera politica sia fondamentalmente nelle mani del petrolio e lobbisti del carbone”.

Il maestro dei film catastrofici ha scelto uno scenario ancora più estremo per il suo prossimo film, Moonfall, che uscirà il prossimo anno. In esso, un dirigente della NASA, un astronauta e un teorico della cospirazione viaggiano nello spazio per impedire alla luna di schiantarsi sulla Terra.

Le cose potrebbero non essere così cupe per noi in questo momento, ma ciò non significa che dovremmo seppellire la testa sotto la sabbia, dice Emmerich.

“Ci dovrebbero essere programmi TV sui cambiamenti climatici, tutti i tipi di cose, ma non ci sono. È un pio desiderio perché le persone vogliono davvero vedere solo cose come Game Of Thrones. Nessuno vuole affrontare la realtà, mettiamola così .”

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su