naso

Batteri dal naso al cervello provocano l’Alzheimer

I batteri possono spostarsi nel cervello attraverso i nervi

Il Chlamydophila Pneumoniae è un batterio comune che, come suggerisce il nome, è una delle principali cause di una polmonite atipica, così come una serie di altre malattie respiratorie. Ma è stato anche rilevato nel cervello, un indicazione che potrebbe causare problemi più insidiosi.

Per il nuovo studio, i ricercatori della Griffith University e della Queensland University of Technology, in Australia, hanno deciso di indagare su come il batterio può entrare nel cervello e se può causare danni e quali.

“Il nostro lavoro ha precedentemente dimostrato che diverse specie di batteri possono entrare rapidamente, entro 24 ore, nel sistema nervoso centrale attraverso i nervi periferici che si estendono tra la cavità nasale e il cervello”, ha detto Jenny Ekberg, autore principale dello studio.

Nei test sui topi, entro 72 ore dalla sua introduzione nel naso, il C. pneumoniae può infettare i nervi olfattivi e trigeminali, poi il bulbo olfattivo – la piccola struttura neurale che elabora il senso dell’olfatto. Da lì è breve il viaggio nel resto del cervello.

La cosa più interessante è che dopo che i batteri sono entrati nel sistema nervoso centrale, hanno innescato diversi cambiamenti associati all’Alzheimer. Entro pochi giorni, i depositi di placche beta amiloidi hanno cominciato ad accumularsi, una caratteristica distintiva della malattia.

Questa nuova scoperta si unisce ad altri studi che indicano che l’Alzheimer è inizialmente innescato da infezioni di virus e batteri. Il comune virus dell’herpes è il sospettato principale, ma gli squilibri nei batteri della bocca, in particolare l’aumento di quelli che causano malattie gengivali, sembrano essere predittori dell’Alzheimer.

“Avevamo il sospettato che i batteri, e anche i virus, possono portare alla neuroinfiammazione e contribuire all’inizio della malattia di Alzheimer, tuttavia, i batteri da soli potrebbero non essere sufficienti a causare la malattia.”, ha detto Ekberg. “Forse è necessaria la combinazione di una suscettibilità genetica più i batteri per portare alla malattia di Alzheimer”.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Scientific Reports.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su