bimbi cinesi

Confermato il calo delle nascite in Cina

Il censimento ha rivelato una grave crisi demografica.


La scorsa settimana, il Ministero della Pubblica Sicurezza ha rilasciato le cifre sulle nascite del 2020, mostrando che ci sono state quasi un milione di nascite in meno rispetto al 2019.

Ci sono state 10,035 milioni di nati nel 2020, in calo rispetto agli 11,8 milioni del 2019. Il tasso di natalità del 2019 era già il più basso nella storia della Repubblica Popolare Cinese, e il 2020 mostra che sta continuando a precipitare. Inoltre, i generi continuano ad essere sbilanciati, con 545.000 ragazzi nati in più rispetto alle ragazze.

Peter McDonald, professore di demografia all’Università di Melbourne, ha detto al Guardian che la precedente politica cinese del figlio unico ha cambiato fondamentalmente la cultura del paese in una che non dà valore ai bambini.

“Ha dimostrato che il tasso di fertilità della Cina rifletteva ciò che stava accadendo nella società, e cioè che la gente voleva davvero solo un piccolo numero di bambini. Anche nelle aree in cui la politica del figlio unico non era applicata, il tasso di natalità era basso”, ha detto. “In secondo luogo, c’è una popolazione fluttuante di 200 milioni di persone che devono lasciare i loro villaggi e lavorare nelle città, lasciando i loro figli nei villaggi. Questo non dà un forte valore al rapporto genitori-figli”.

Xiong Jing, un’attivista femminista, ha anche detto al Guardian che le madri non ricevono il sostegno di cui hanno bisogno, con scarse politiche di congedo parentale, discriminazione sul posto di lavoro, difficoltà nell’ottenere la cura dei figli e altro.

C’è un termine in Cina, approssimativamente tradotto come ‘si cresce un bambino come se non si avesse un coniuge’, perché la responsabilità va principalmente alla madre”, ha detto. “Se la Cina vuole davvero risolvere questo problema deve mettere più risorse“.

A questo punto, anche un completo rilassamento delle restrizioni sulle nascite potrebbe non è sufficiente per invertire la tendenza, ha riferito il South China Morning Post, citando esperti demografici. Guan Qingyou, capo economista e presidente del Rushi Advanced Institute of Finance, ha detto che si aspetta che la popolazione raggiunga il picco nel 2029, per poi iniziare a scendere.

Ren Zeping, capo economista di Soochow Securities, tuttavia, dice che il declino inizierà anche prima. “L’invecchiamento della popolazione, il declino del tasso di natalità e la diminuzione dei matrimoni si stanno verificando ad un ritmo accelerato”, ha scritto su Weibo. “Questi sono tra i più grandi problemi per lo sviluppo economico e sociale della Cina”.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su