marketspy.it

la vostra finestra sul mondo

bambina inquinamento

Dall’inquinamento il cancro ai polmoni!

Il cancro colpisce anche i non fumatori in città inquinate

È stato identificato un nuovo meccanismo attraverso il quale piccolissime particelle inquinanti presenti nell’aria possono scatenare il cancro ai polmoni in persone che non hanno mai fumato, aprendo la strada a nuovi approcci di prevenzione e allo sviluppo di terapie, secondo i dati più recenti riportati al Congresso ESMO 2022 dagli scienziati del Francis Crick Institute e dell’University College di Londra, finanziati dal Cancer Research UK.

Le particelle, che si trovano nei gas di scarico e nel fumo dei combustibili fossili, sono associate al rischio di cancro al polmone nellle non piccole cellule (NSCLC) e sono responsabili di oltre 250.000 decessi per cancro al polmone – ogni anno – a livello globale.

Le particelle presenti nell’aria che derivano dalla combustione dei combustibili fossili hanno un impatto diretto sulla salute umana attraverso un importante meccanismo cancerogeno, precedentemente trascurato, nelle cellule polmonari. Il rischio di cancro ai polmoni dovuto all’inquinamento atmosferico è inferiore a quello dovuto al fumo, ma non abbiamo alcun controllo su ciò che respiriamo. A livello globale, un numero maggiore di persone è esposto a livelli non sicuri di inquinamento atmosferico rispetto alle sostanze chimiche tossiche presenti nel fumo di sigaretta. Questi nuovi dati collegano l’importanza di affrontare la salute del clima al miglioramento della salute umana.

Le nuove scoperte si basano su ricerche umane e di laboratorio sulle mutazioni del gene EGFR, presenti in circa la metà delle persone affette da cancro ai polmoni, che non hanno mai fumato. In uno studio condotto su quasi mezzo milione di persone residenti in Inghilterra, Corea del Sud e Taiwan, l’esposizione a concentrazioni crescenti di particolato atmosferico (PM) di 2,5 micrometri (μm) di diametro è stata collegata a un aumento del rischio di NSCLC con mutazioni EGFR.

Gli studi di laboratorio, hanno dimostrato che le stesse particelle inquinanti (PM2,5) promuovevano rapidi cambiamenti nelle cellule delle vie aeree che presentavano mutazioni nell’EGFR e in un altro gene collegato al cancro del polmone, chiamato KRAS, portandole a uno stato simile alle cellule staminali del cancro.

Hanno anche scoperto che l’inquinamento atmosferico determina l’afflusso di macrofagi che rilasciano il mediatore infiammatorio, l’interleuchina-1β, guidando l’espansione delle cellule con mutazioni EGFR in risposta all’esposizione al PM2,5 e che il blocco dell’interleuchina-1β inibisce l’iniziazione del cancro al polmone.

Questi risultati sono coerenti con i dati di un precedente studio clinico di grandi dimensioni che ha mostrato una riduzione dose-dipendente dell’incidenza del cancro al polmone quando le persone sono state trattate con l’anticorpo anti-IL1β, canakinumab.

In un’altra serie di esperimenti, è stata utilizzata una profilazione mutazionale all’avanguardia e ultradeep di piccoli campioni di tessuto polmonare normale, e ha trovato mutazioni EGFR e KRAS driver rispettivamente nel 18% e nel 33% dei campioni di polmone normale.

Si è scoperto che le mutazioni driver nei geni EGFR e KRAS, comunemente riscontrate nei tumori polmonari, sono in realtà presenti nel tessuto polmonare normale e sono una probabile conseguenza dell’invecchiamento. Nella ricerca, queste mutazioni da sole hanno potenziato solo debolmente il cancro nei modelli di laboratorio.

Quando le cellule polmonari con queste mutazioni sono state esposte agli inquinanti atmosferici, è stato riscontrato un maggior numero di tumori e questi si sono verificati più rapidamente rispetto a quando le cellule polmonari con queste mutazioni non sono state esposte agli inquinanti, suggerendo che l’inquinamento atmosferico favorisce l’insorgenza del cancro al polmone nelle cellule che ospitano mutazioni del gene driver. Il prossimo passo sarà scoprire perché alcune cellule polmonari con mutazioni diventano cancerose quando sono esposte agli inquinanti, mentre altre non lo diventano.

Commentando i risultati, Tony Mok, dell’Università cinese di Hong Kong, non coinvolto nello studio, ha dichiarato: “Questa ricerca è intrigante ed emozionante perché significa che possiamo chiederci se, in futuro, sarà possibile usare le scansioni polmonari per cercare lesioni precancerose nei polmoni e cercare di invertirle con farmaci come gli inibitori dell’interleuchina-1β. Non sappiamo ancora se sarà possibile utilizzare la profilazione altamente sensibile dell’EGFR sul sangue o su altri campioni per individuare i non fumatori che sono predisposti al cancro ai polmoni e che potrebbero trarre beneficio dalla scansione polmonare, quindi le discussioni sono ancora molto speculative”.

La ricerca sottolinea l’importanza di ridurre l’inquinamento atmosferico per diminuire il rischio di malattie polmonari, compreso il cancro, perché conosciamo da tempo il legame tra inquinamento e cancro ai polmoni e ora abbiamo una possibile spiegazione. Poiché il consumo di combustibili fossili va di pari passo con l’inquinamento e le emissioni di anidride carbonica, abbiamo un forte mandato per affrontare questi problemi, sia per motivi ambientali che di salute.,

Lo studio ha coinvolto 447.932 individui per analizzare le associazioni tra l’aumento delle concentrazioni di PM (PM2,5) e il rischio di cancro. In un’ultima serie di esperimenti, i ricercatori del Crick Institute hanno utilizzato una profilazione mutazionale ultraprofonda e all’avanguardia su 247 piccoli campioni di tessuto polmonare normale, trovando mutazioni EGFR e KRAS rispettivamente nel 15% e nel 53% dei campioni di polmone normale.

Qualsiasi programma di screening andrebbe di pari passo con il controllo delle emissioni di anidride carbonica e del consumo di combustibili fossili, e si deve essere più consapevoli che mai dell’importanza di questi fattori. Il controllo dell’inquinamento ambientale è in gran parte di competenza dei politici, e si spera che questo porti a una riduzione dei livelli di PM2,5. La prevenzione del cancro ai polmoni è una delle tante ragioni per controllare l’inquinamento atmosferico.

Mentre la conoscenza sta evolvendo, è importante che le osservazioni scientifiche progrediscano verso spiegazioni biologiche e, in ultima analisi, interventi. Dopo aver osservato che l’inquinamento atmosferico è collegato al cancro ai polmoni, questi nuovi dati forniscono una spiegazione – l’anello biologico mancante – per la ragione che sta alla base di questo fenomeno, che potrebbe portare a interventi appropriati in futuro. Stiamo andando nella giusta direzione, ma la strada da percorrere è certamente lunga.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su