marketspy.it

la vostra finestra sul mondo

covid lungo effetti neurologici

Danni neurologici da Covid leggero

Il 42% di chi supera la malattia é a rischio

Una ricerca della Washington University School of Medicine di St. Louis presenta l’indagine più completa fino ad oggi sui problemi neurologici a lungo termine associati al COVID-19. Tracciando più di 150.000 pazienti COVID per 12 mesi, la ricerca ha rilevato che le infezioni hanno portato a un aumento del 42% del rischio di diversi disturbi cerebrali.

All’inizio del 2022, hanno pubblicato diversi studi che riportano l’aumento dei problemi cardiovascolari e dei disturbi della salute mentale nei pazienti con COVID-19, fino a 12 mesi dopo un’infezione iniziale. Questo nuovo studio, pubblicato su Nature Medicine, esamina ampiamente una varietà di problemi neurologici nell’anno successivo a infezioni lievi e gravi.

Lo studio fornisce una valutazione completa delle conseguenze neurologiche a lungo termine di COVID-19, mentre studi passati hanno esaminato una serie più ristretta di esiti neurologici, principalmente nei pazienti ospedalizzati. Sono stati valutati 44 disturbi cerebrali, e altri disturbi neurologici tra pazienti non ospedalizzati e ospedalizzati, compresi ricoverati in terapia intensiva.

L’indagine ha incluso eventi cerebrovascolari come ictus, disturbi episodici tra cui emicrania e convulsioni e condizioni cognitive come l’Alzheimer. Nel complesso, i risultati hanno mostrato che i sopravvissuti a COVID avevano il 42% di probabilità in più di sperimentare qualche tipo di problema neurologico nell’anno successivo a un’infezione, rispetto ai controlli non infetti.

Più specificamente, lo studio ha riportato che i sopravvissuti a COVID hanno affrontato un rischio aumentato del 77% di problemi di memoria, un rischio aumentato del 50% di ictus, un rischio aumentato dell’80% di convulsioni e un rischio aumentato del 30% di problemi agli occhi. Facendo eco ad alcuni studi precedenti, i ricercatori hanno anche visto piccoli aumenti nelle diagnosi di Alzheimer nei pazienti COVID rispetto ai controlli non infetti.

Anche se è improbabile che qualcuno che ha avuto il COVID-19 finisca per avere l’Alzheimer dal nulla, perchè impiega anni per manifestarsi, quello che si sospetta è che chi ha una predisposizione all’Alzheimer potrebbero essere spinte oltre il limite dal COVID, il che significa che sono su una strada più veloce per sviluppare la malattia. È raro ma preoccupante.

Ci sono diversi avvertimenti a questi risultati che è importante notare. La coorte utilizzata nella ricerca è anziana, con un’età media di 61 anni. E a causa del lungo follow-up di 12 mesi, quasi tutte queste infezioni iniziali erano in soggetti non vaccinati

Quindi è possibile che questi maggiori rischi possano essere ridotti nelle popolazioni più giovani e/o vaccinate. Tuttavia, alcuni rischi di specifiche condizioni neurologiche erano più elevati nei giovani: i rischi di memoria e disturbi cognitivi, disturbi sensoriali e disturbi tra cui Guillain-Barré e l’encefalite o l’encefalopatia sono più forti nei giovani adulti.

È anche fondamentale sottolineare che gli effettivi aumenti assoluti nei casi di queste condizioni erano piccoli. Complessivamente, lo studio ha rilevato sette casi extra di qualsiasi problema neurologico ogni 100 casi di COVID.

Si tratta di numeri piccoli, e potenzialmente anche più piccoli se l’età e la vaccinazione fanno la differenza. Ma i ricercatori chiariscono che, poiché la pandemia è così diffusa, anche piccoli numeri sommati fanno un grande numero di persone colpite.

Data la portata colossale della pandemia, e anche se i numeri assoluti riportati in questo lavoro sono piccoli, questi possono tradursi in un gran numero di individui colpiti nel mondo e questo probabilmente contribuirà a un aumento di malattie neurologiche.

Secondo i ricercatori, se i numeri in questo studio fossero stati estrapolati alla quantità di casi di COVID segnalati negli Stati Uniti, più di sei milioni di persone avrebbero avuto qualche tipo di problema neurologico nell’anno successivo all’infezione. Anche dimezzare in modo conservativo quel numero lascia ancora milioni di persone ad affrontare sfide cerebrali dopo COVID.

I risultati mostrano gli effetti devastanti a lungo termine del COVID-19, e questi sono parte integrante del lungo COVID. Il virus, purtroppo, non è sempre così benigno come alcune persone pensano che sia.

Il nuovo studio è stato pubblicato su Nature Medicine.

Fonte: Washington University School of Medicine di St. Louis

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su