turista al colosseo

Diminuiscono i contagi in Europa

L’OMS ha comunicato che in Europa, nell’ultimo,c’è stato un calo del 60% di nuovi contagi da coronavirus, anche se l’organizzazione sanitaria avverte che si tratta di progresso fragile e che quindi bisogna continuare a vigilare.

Perché il virus ha ancora il potenziale di infliggere effetti devastanti, sopratutto se si osserva che quasi la metà di tutti i contagi segnalati in Europa – dall’inizio della pandemia – si sono verificati nei primi quattro mesi del 2021.

In definitiva, l’OMS rileva che la minaccia per l’Europa “è ancora presente”, nonostante il calo di nuovi casi, ricoveri e morti nella EU.

Stiamo andando nella giusta direzione, ma dobbiamo tenere d’occhio un virus che ha causato la morte di quasi 1,2 milioni di persone in questa regione” – ha detto Hans Kluge, direttore europeo dell’OMS – “I vaccini possono essere la luce in fondo al tunnel, ma non possiamo farci abbagliare da quella luce“.

Il numero di nuovi casi segnalati settimanalmente in tutta Europa è sceso da 1,7 milioni a metà aprile a quasi 685.000 la scorsa settimana. Le varianti pericolole, che sembrano diffondersi all’interno della EU, sono una preoccupazione, sopratutto perché la diminuzione delle restrizione fa crescere i contatti fra le persone.

All’inizio di questa settimana, i paesi UE hanno accettato di riaprire le frontiere anche ai viaggiatori che non si spostano per necessità, provenienti comunque da paesi considerati sufficientemente a basso rischio, e alle persone completamente vaccinate e in possesso di adeguata certificazione.

Sono passati 462 giorni da quando sono stati riportati i primi casi di Covid-19: in base al numero di casi confermati, il 5,5% dell’intera popolazione europea ha ora avuto il Covid-19, mentre il 7% ha completato una serie completa di vaccinazioni.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su