marketspy.it

la vostra finestra sul mondo

An empty chair sits behind the name tags for Facebook's Mark Zuckerberg and Sheryl Sandberg as the International Grand Committee on Big Data, Privacy and Democracy waits to begin in Ottawa, Tuesday May 28, 2019. THE CANADIAN PRESS/Adrian Wyld

Meta patteggia per Cambridge Analytica

Zuckerberg e Sheryl Sandberg eviteranno l’interrogatorio?

Facebook ha accettato di patteggiare una causa di risarcimento danni per aver permesso a Cambridge Analytica di accedere ai dati privati di decine di milioni di utenti, quattro anni dopo che l’Observer aveva denunciato lo scandalo che ha impantanato il gigante tecnologico in ripetute polemiche.

Un documento del tribunale rivela che Meta, la società madre di Facebook, ha risolto in linea di principio per una somma non rivelata una lunga causa che sosteneva che Facebook avesse condiviso illegalmente i dati degli utenti con la società di analisi britannica.

L’accordo fa seguito alle rivelazioni sull’uso improprio dei dati fatte da un informatore di Cambridge Analytica all’Observer nel 2018, rivelazione che ha costretto l’amministratore delegato Mark Zuckerberg a testimoniare davanti al Congresso e ha portato l’azienda di social media a ricevere una multa multimiliardaria. Giorni dopo la pubblicazione della storia, il prezzo delle azioni di Facebook è sceso dell’equivalente di oltre 100 miliardi di dollari.

Tuttavia, c’è disappunto per il fatto che la tempistica del potenziale accordo impedirebbe che Zuckerberg e il direttore operativo uscente di Meta, Sheryl Sandberg, siano interrogati, il mese prossimo, fino a sei ore, da parte degli avvocati dei querelanti.

Carole Cadwalladr, la giornalista dell’Observer le cui indagini su Facebook e Cambridge Analytica hanno contribuito a ispirare il film di Netflix The Great Hack, ha dichiarato: “È una misura di quanto Zuckerberg sia disperato nell’evitare di rispondere alle domande sull’insabbiamento della violazione a favore di Cambridge Analytica da parte di Facebook il fatto che abbiano patteggiato pochi giorni dal suo controinterrogatorio sotto giuramento per sei ore”.

Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg avrebbero dovuto sottoporsi ad di ore di deposizioni, ma non accadrà grazie all’accordo con i querelanti. Come riportato da Reuters, un documento del tribunale rivela che le parti hanno raggiunto un accordo di principio e hanno richiesto una sospensione di 60 giorni per finalizzare l’accordo scritto. Senza l’accordo e la sospensione, i querelanti avrebbero dovuto deporre prima del 20 settembre.

Il documento non riporta dettagli sui termini dell’accordo, e Meta ha rifiutato di commentare così come gli avvocati dei querelanti. Quello che si può immaginare è che Meta non voglia che le cose vadano oltre visto che sta spendendo miliono per il metaverso, la sua grande scommessa per il futuro.

Ora Zuckerberg non dovrà più rispondere su cosa sia accaduto nella sua azienda nel periodo delle elezioni del 2016.

L’azione legale sosteneva che Facebook avesse condiviso illegalmente i dati degli utenti con terze parti e che l’azienda non avesse protetto adeguatamente tali dati dall’abuso da parte di malintenzionati. Nel 2018 Zuckerberg ha affrontato un interrogatorio da parte del Congresso, che non ha però fatto molto per chiarire lo scandalo o spiegare esattamente cosa è successo con Cambridge Analytica, una società assunta dalla campagna presidenziale di Trump che è stata in grado di succhiare i dati da milioni di profili Facebook.

Ma per Zuckerberg è sicuro che sia tutto finito? Le avventure di Trump sono sotto scrutinio, e tutto potrebbe essere rimesso sotto la lente della giustizia se l’ex presidente finisce inquisito per la vicenda dei documenti segreti.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su