Variety of travelling documents, including a visa, tickets and other documents. Studio shot, square frame.

Gli studenti americani non vogliono più immigrati

Molte organizzazioni di studenti hanno firmato una lettera che invita Trump a bloccare i visti H-1B e il programa OPT

Con 30 milioni di disoccupati – a causa dell’epidemia particolarmente virulent a – far arrivare altri immigrati e studenti, tramite il programma OPT, che consente a circa 200.000 studenti stranieri di laurearsi e di lavorare negli Stati Uniti, è considerato dagli studenti una grossa contraddizione ora che il lavoro è sparito e quindi non è il caso di avere una ulteriore competizione nel mercato del lavoro da parte di stranieri.

La lettera degli studenti chiede di revocare l’autorizzazione a lavorare negli Stati Uniti per gli stranieri, non immigrati e dotati di particolari abilità, per facilitare il ricollocamento al lavoro dei cittadini americani.

Inoltre, gli studenti accusano gli stranieri di accettare stipendi molto al di sotto di quelli normali e questo li favorisce presso le imprese.

Milioni di neo laureati americani entreranno nel mercato del lavoro anche in quest’anno tragico sconvolto dall’epidemia, e sono laureati che cercano lavori ben pagati, anche per rimborsare i prestiti per gli studi universitari.

La richiesta degli studenti potrebbe trovare terreno favorevole alla Casa Bianca visto che è stato lo stesso presidente Trump a ipotizzare la fine dei visti H-1B e del programma OPT.

Di segno contrario invece è una petizione di 300 aziende che chiedono al presidente di non interrompere la concessione dei visti H-1B e di non fermare il programma che permette a studenti stranieri di laurearsi e lavorare temporaneamente nel paese.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su