Pfizer-Moderna

I vaccini Moderna e Pfizer bloccano il contagio, fermano la malattia

Uno studio del CDC americano toglie ogni dubbio

Secondo uno studio pubblicato ieri dal Centro statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), condotto su quasi 4.000 operatori sanitari, primi soccorritori e altri operatori essenziali in prima linea in otto località in tutto il paese, i vaccini a mRNA sono efficaci al 90% nel prevenire le infezioni. Ciò significa che oltre a fermare lo sviluppo dei sintomi del Covid-19, possono anche impedire alla malattia di diffondersi da una persona all’altra.

Da quando il lancio del vaccino negli Stati Uniti è iniziato ufficialmente a dicembre, una domanda in primo piano è se i vaccini a RNA messaggero (mRNA) creati da Moderna e Pfizer / BioNTech avrebbero funzionato bene in condizioni del mondo reale come hanno fatto in laboratorio .

Sebbene gli studi clinici sui vaccini a mRNA abbiano dimostrato che erano ampiamente efficaci nel prevenire le malattie, la loro capacità di prevenire l’infezione è rimasta sconosciuta.

Nel dicembre 2020, i partecipanti allo studio, che vivevano ovunque da Phoenix, Arizona a Portland, Oregon, hanno iniziato a ricevere dosi di vaccini Moderna o Pfizer-BioNTech. Quasi tre quarti avevano almeno una dose entro marzo 2021. Per lanciare un’ampia rete in grado di catturare infezioni sia sintomatiche che asintomatiche, i ricercatori hanno richiesto ai loro soggetti di testare se stessi per Covid-19 settimana dopo settimana usando tamponi nasali standard.

Nel gruppo di lavoratori non vaccinati, 161 hanno finito per sviluppare infezioni. Al contrario, nel gruppo di lavoratori vaccinati, solo 16 che hanno ricevuto una dose hanno contratto il virus prima di poter ottenere la seconda, mentre solo tre hanno ricevuto entrambi ma l’hanno preso nelle due settimane successive alla seconda dose. Sono state quelle tre infezioni che hanno portato l’efficacia del regime completo a due dosi dei vaccini a mRNA fino al 90 percento. I vaccini a mRNA non sono infallibili, in altre parole, ma date le circostanze si stanno comportando molto bene.

I risultati di questo studio, ovviamente, sono solo preliminari, con indagini di maggiore profondità e ampiezza a venire. E sebbene speriamo che i vaccini Covid-19 che utilizzano altre piattaforme, come i vaccini contro l’adenovirus creati da Johnson & Johnson e AstraZeneca, abbiano lo stesso successo, non rientrano nei limiti di questo particolare rapporto.

Detto questo, rimangono due questioni degne di nota per tutti i vaccini che lo studio sul vaccino a mRNA non ha affrontato ma che la ricerca imminente potrebbe. La prima è la durata della protezione da malattie e infezioni. Uno studio preprint pubblicato di recente ha utilizzato un modello predittivo per rispondere a questa domanda in teoria, calcolando la durata delle risposte anticorpali mediate dal vaccino – il loro indicatore di protezione immunitaria di scelta – sulla base dei dati già disponibili. La loro ipotesi migliore è che la durata della protezione sia correlata all’efficacia iniziale di un vaccino, ma senza dati reali non possiamo esserne sicuri.

La seconda questione è se la protezione resisterà alle nuove varianti di SARS-CoV-2. Sebbene il rapporto non affermi mai esplicitamente che i partecipanti abbiano contratto il ceppo originale, se la questione della variazione virale non è stata affrontata, possiamo solo presumere che non fosse rilevante in quel momento. Vari studi di laboratorio hanno scoperto che il plasma ricco di anticorpi delle persone che ricevono i vaccini a mRNA perde la sua potenza se confrontato con nuove varianti del virus, in particolare B.1.351 e P.1, che contengono mutazioni ora associate a un maggiore potenziale di fuga.

Nel complesso, la notizia che i vaccini a mRNA prevengono le infezioni oltre alle malattie è eccellente. Quello che non è è un motivo per abbassare la guardia. Poiché gli sviluppatori di vaccini raccolgono più dati su come funzionano i loro prodotti nei contesti del mondo reale, devono continuare a rilasciarli in modo tempestivo. Devono anche affrontare le domande chiave che le persone che ripongono così tante speranze sui loro vaccini continuano ad avere. Per quanto importante possa essere celebrare ogni traguardo, fintanto che questa malattia continua a diffondersi tra noi e prendere vite, dobbiamo affrontare ogni mistero irrisolto con grande fretta e rigore. Nessuno vuole essere lasciato al buio, tanto meno quando la luce alla fine del tunnel sembra sempre più vicina.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su