Aviation-Weather-Low-Visibility

Il 5G è un problema per gli aerei

Provoca interferenze con la strumentazione

La Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti ha dichiarato domenica di aver autorizzato circa il 45% della flotta di aerei commerciali statunitensi ad eseguire atterraggi a bassa visibilità in molti aeroporti in cui la banda C 5G sarà dispiegata a partire da mercoledì.

La FAA ha avvertito che potenziali interferenze potrebbero influenzare gli strumenti sensibili degli aeroplani come gli altimetri e avere un impatto sulle operazioni a bassa visibilità.

Le compagnie aeree passeggeri e cargo statunitensi hanno lanciato l’allarme agli alti funzionari del governo che il problema è tutt’altro che risolto e potrebbe avere un grave impatto sui voli.

“Anche con le approvazioni concesse oggi dalla FAA, le compagnie aeree statunitensi non saranno in grado di operare la stragrande maggioranza dei voli passeggeri e merci a causa delle restrizioni di volo relative al 5G della FAA a meno che non vengano prese misure prima del previsto lancio del 19 gennaio”, ha affermato Airlines for America, un gruppo commerciale che rappresenta American Airlines (AAL.O), Delta Air Lines (DAL.N), Fedex (FDX.N) e altri vettori.

La FAA ha approvato due modelli di radio altimetro utilizzati in molti aerei Boeing e Airbus, inclusi alcuni modelli Boeing 737, 747, 757, 767, MD-10/-11 e Airbus A310, A319, A320, A321, A330 e A350. L’annuncio è arrivato pochi giorni prima che AT&T (TN) e Verizon (VZ.N) lanciassero il nuovo servizio 5G mercoledì. La FAA ha detto che prevede di rilasciare più approvazioni nei prossimi giorni.

La FAA ha affermato che le approvazioni dell’aeromobile e dell’altimetro aprono “piste in ben 48 degli 88 aeroporti più direttamente interessati dall’interferenza della banda C 5G”. Ma l’agenzia ha avvertito che “anche con queste nuove approvazioni, i voli in alcuni aeroporti potrebbero ancora essere interessati”.

Reuters ha esaminato l’elenco di 36 pagine delle piste coperte dalle approvazioni che non è stato ancora reso pubblico e non include molti aeroporti statunitensi più grandi.

La FAA ha detto a Boeing in una lettera esaminata domenica da Reuters che stava concedendo approvazioni per piste e aerei specifici con determinati altimetri “perché la suscettibilità alle interferenze delle emissioni in banda C del 5G è stata ridotta al minimo”.

AT&T e Verizon, che lo scorso anno hanno vinto quasi tutto lo spettro della banda C in un’asta da 80 miliardi di dollari, il 3 gennaio hanno concordato di delimitare in zone tampone circa 50 aeroporti per ridurre i rischi di interferenza e adottare altre misure per ridurre le potenziali interferenze per sei mesi. Hanno anche deciso di ritardare il dispiegamento di due settimane, scongiurando una situazione di stallo per la sicurezza aerea.

Giovedì la FAA ha emesso quasi 1.500 avvisi che descrivono in dettaglio l’entità del potenziale impatto dei servizi 5G.

“I passeggeri dovrebbero verificare con le loro compagnie aeree se sono previste previsioni meteorologiche in una destinazione in cui è possibile l’interferenza del 5G”, ha affermato domenica la FAA.

Il 7 gennaio, la FAA ha reso noto i 50 aeroporti statunitensi che avranno zone cuscinetto 5G, tra cui New York, Los Angeles, Chicago, Las Vegas, Minneapolis, Detroit, Dallas, Filadelfia, Seattle e Miami.

Ma le compagnie aeree avvertono che le zone cuscinetto potrebbero non essere sufficienti per prevenire interruzioni dei voli in quegli aeroporti.

Giovedì, Airports Council International – North America ha sollecitato un ritardo nell’implementazione del 5G per evitare interruzioni diffuse nel sistema di trasporto aereo degli Stati Uniti.

Venerdì, la FAA ha affermato che richiederà agli operatori del Boeing 787 di prendere ulteriori precauzioni durante l’atterraggio su alcune piste bagnate o innevate.

https://www.chinadaily.com.cn/a/202201/18/WS61e5e25ba310cdd39bc81923.html

https://www.wsj.com/articles/u-s-airlines-say-further-5g-delay-needed-to-avoid-flight-disruptions-this-week-11642456376

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su