Craig-Wright

Il cretore di Bitcoin va per tribunali

Lo scienziato informatico australiano, Craig Wright, che ha affermato di essere il creatore di Bitcoin, ha intentato una causa contro 16 sviluppatori di software nel tentativo di proteggere 111.000 unità della principale criptovaluta.

Lo scienziato informatico australiano, Craig Wright, che ha affermato di essere il creatore di Bitcoin, ha intentato una causa contro 16 sviluppatori di software nel tentativo di proteggere 111.000 unità della principale criptovaluta.

Wright, che ha intentato la causa attraverso la sua Tulip Trading Firm con sede alle Seychelles, si è affermato come il controverso creatore di Bitcoin con il misterioso pseudonimo di Satoshi Nakamoto. È andato oltre nelle sue affermazioni nella sua seconda causa a Londra, sostenendo di aver perso l’accesso alle sue chiavi crittografate dopo che la sua rete domestica è stata violata nel febbraio 2020.

Le affermazioni contestate in modo aggressivo contro lo scienziato con sede in Gran Bretagna sono state avanzate contro gli sviluppatori delle quattro reti: Bitcoin Satoshi Vision (BSV), Bitcoin Cash (BCH), Bitcoin Core (BTC) e Bitcoin Cash ABC (ABC).

Craig Wright ha accusato gli sviluppatori di violazione nell’adempimento dei loro doveri di agire nell’interesse del creatore e legittimo proprietario dell’asset digitale più popolare. Il caso, tuttavia, è stato respinto da un imputato in quanto “fasullo” è attualmente oggetto di indagine da parte della polizia nel tentativo di scovare gli hacker sconosciuti.

Paul Ferguson, in collaborazione con lo studio legale che rappresenta Wright, ha dichiarato che gli sviluppatori devono garantire il recupero delle risorse digitali contestate se viene dimostrata la legittima proprietà del loro cliente.

Tuttavia, un altro imputato, Peter Todd, ha negato che lui e alcune altre persone non fossero coinvolte nello sviluppo regolare della rete, sottolineando ulteriormente che Wright non aveva dimostrato la sua proprietà e la criptovaluta non doveva essere soggetta a “sequestro arbitrario”.

“Come mostra questo caso, se permettiamo alle persone di ottenere monete sequestrate e riassegnate per ordine del tribunale, ciò mette le tue monete a rischio di essere rubate da abusi di quei processi fallibili”, ha dichiarato Todd in una e-mail.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su