fed powell

La FED riduce gli acquisti di US Bond

E nessuno sa quali saranno gli effetti sui mercati

Lo dice Jaime Dimon di JP Morgan che ha dichiarato che il piano della Federal Reserve di ridurre le proprie disponibilità obbligazionarie rappresenta una forza contraria all’economia, una che gli investitori “non hanno mai visto prima”, e ha aggiunto che gli effetti di questo piano non sono ancora noti.

L’amministratore delegato di JPMorgan ha dichiarato lunedì che l’economia statunitense rimane forte, grazie soprattutto ai risparmi dei consumatori accumulati in seguito alla limitazione dell’attività durante la pandemia di coronavirus.

“Ma a questa forte economia si contrappongono due forze contrastanti, entrambe mai viste prima: l’alta inflazione e la QT”, ha dichiarato in occasione dell’investor day della banca.

Il termine QT si riferisce al quantitative tightening, ovvero quando una banca centrale riduce le proprie disponibilità di obbligazioni lasciandole scadere o vendendole attivamente.

Questo mese la Fed si è impegnata a iniziare a ridurre i suoi 9.000 miliardi di dollari di attività a giugno, dopo aver fatto incetta di titoli di Stato e di titoli garantiti da ipoteca nel tentativo di calmare i mercati e l’economia durante la pandemia. Spera di eliminare 95 miliardi di dollari al mese di obbligazioni entro la fine di settembre.

Dimon ha detto che gli effetti degli sforzi della Fed per affrontare l’inflazione riducendo rapidamente le sue riserve obbligazionarie – che si aggiungono ai rialzi dei tassi di interesse – sono molto incerti.

“La Fed cercherà di far fronte a questa situazione, ma non ne conosciamo l’esito, è una vostra ipotesi”, ha detto agli investitori. “Si può avere qualsiasi cosa, da uno scenario buono a uno cattivo”.

Il QT è uno dei principali punti interrogativi che gravano sui mercati. La Fed non ha mai ridotto così rapidamente le proprie disponibilità obbligazionarie.

La banca centrale ha avviato il QT nel 2018, dopo aver acquistato obbligazioni per calmare i mercati sulla scia della crisi finanziaria.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su