file-20190410-2918-1mnlhy6

La Germania esporta armi in Libia, nonostante l’embargo

La Germania ha esportato €330 milioni in armi nei paesi coinvolti nella guerra in Libia.

Da quando ha ospitato un vertice in Libia quattro mesi fa, il governo tedesco ha approvato esportazioni di armi del valore di 331 milioni di euro verso paesi accusati di sostenere le parti in guerra, secondo un rapporto del ministero dell’economia tedesco.

Tra il 20 gennaio e il 3 maggio, la Germania ha approvato 308,2 milioni di euro per armi destinate al solo Egitto. Le informazioni sono state fornite in risposta a una richiesta del partito Linke tedesco.

Il governo tedesco ha anche approvato € 15,1 milioni di esportazioni di armi per la Turchia e € 7,7 milioni per gli Emirati Arabi Uniti (EAU).

La Turchia sostiene il governo di accordo nazionale (GNA), che è sostenuto dalle Nazioni Unite, mentre Russia, Egitto ed Emirati Arabi Uniti sostengono le forze rivali guidate da Khalifa Haftar.

Egitto, Turchia, Russia ed Emirati Arabi Uniti erano tra i firmatari di un accordo per far cessare le ostilità. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha successivamente accusato questi quattro paesi di aver violato l’embargo e di aver continuato a fornire armi per il conflitto.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su