i tre luna lander per la missione lunare americana

La NASA ferma il contratto con Spacex

La mossa a seguito delle proteste di Blue Origin e Dynetics.


La NASA ha detto a SpaceX di cessare tutti i lavori sul suo contratto da $2,9 miliardi per il lander lunare dopo che altre due aziende aerospaziali hanno protestato contro l’accordo.

Blue Origin e Dynetics hanno protestato contro la decisione dell’agenzia di assegnare un contratto da 2,9 miliardi per costruire il sistema di atterraggio lunare del programma Artemis solo a SpaceX, secondo The Verge.

Il Government Accountability Office (GAO), che gestisce le controversie sui contratti federali, è ora incaricato di decidere se le loro proteste sono giustificate.

Sia Blue Origin che Dynetics hanno presentato le loro proteste al GAO lunedì. Nel loro deposito, Blue Origin ha avvertito che l’assegnazione del contratto a SpaceX mette in pericolo l’obiettivo del programma Artemis del 2024 di tornare sulla luna.

“La NASA ha eseguito un’acquisizione imperfetta per il programma Human Landing System (HLS) e ha spostato gli obiettivi all’ultimo minuto”, ha detto Blue Origin in una dichiarazione ottenuta da The Verge.

L’agenzia ha inizialmente scelto SpaceX a causa del suo sistema di razzi riutilizzabili Starship, che vanta una grande capacità di carico utile, nonché un’offerta relativamente più bassa.

Tutte e tre le aziende hanno proposto approcci diversi per un nuovo lander lunare. Dynetics era una sorta di versione aggiornata del modulo lunare dell’era Apollo, con più capacità e riutilizzabilità. Il Blue Moon di Blue Origin era simile, ma più grande e più modulare per volare in diversi tipi di missioni. La versione di SpaceX è il gigante tra i tre, con un’altezza di 160 piedi e un diametro di 30 piedi.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su