marketspy.it

la vostra finestra sul mondo

ddg x

La US NAVY svela la futura DDG(X)

Sarà armata di missili ipersonici e laser da 600W

La nave da guerra, la più grande che la Marina ha concepito in più di 20 anni, è progettata come piattaforma per una nuova generazione di armi ad energia diretta e sensori ad alta potenza. La costruzione nel 2028.

“Le capacità di cui avremo bisogno per il 21° secolo per combattere le minacce, sono più sensori, più capacità missilistica, ed armi ad energia diretta, che richiedono molta potenza e una maggiore disponibilità di energia”, ha detto il vice direttore del programma Katherine Connelly in un briefing di mercoledì al simposio della Surface Navy Association.

La US NAVY sta sviluppando il DDG(X) usando il sistema di combattimento delle Arleigh Burke, Flight III, che incorpora il radar di ricerca aerea SPY-6 e il sistema di combattimento Baseline 10 Aegis.

“Per capire il DDG(X) e la sua necessità, bisogna analizzare la guerra di superficie nel suo insieme”, ha detto Connelly. “Flight III sarà nella flotta fino al 2060, mentre la minaccia continuerà ad evolversi, e ci saranno nuove minacce. Noi continueremo ad evolvere le nostre capacità per scoraggiare la minaccia. E avremo bisogno di una piattaforma che possa accogliere queste nuove tecnologie”.

La nave avrà il sistema di propulsione Integrated Power System, come sulla classe Zumwalt. Sui tre DDG classe Zumwalt, le turbine a gas guidano una rete elettrica che genera più di 75 megawatt di potenza – abbastanza per illuminare una piccola città. La tecnologia fondamentale per il DDG(X) per generare la potenza per l’energia diretta e i nuovi sensori.

In teoria, la nave potrebbe alimentare 600 kilowatt di laser, cioè abbastanza potenti da abbattere missili guidati ostili.

Inizialmente, la nave sarebbe dotata di un sistema di lancio verticale a 32 celle Mk-41 a prua della sovrastruttura, che potrebbe essere scambiato con 12 celle missilistiche più grandi in grado di mettere in campo le armi ipersoniche emergenti del Pentagono, sviluppate per la Marina, l’Esercito e l’Aeronautica.

Gli attuali DDG-51 schierano 96 celle MK-41 VLS e USNI News capisce che i requisiti della Marina mantengono le celle VLS per il DDG(X) circa lo stesso.

Il radar di ricerca aerea SPY-6 potrebbe espandersi da un’apertura di 14 piedi a una di 18 piedi che aumenterebbe la sensibilità del sensore. La Marina sta anche progettando uno spazio modulare di carico utile per diverse missioni future.

La Marina vuole una nave che può viaggiare il 50% più lontano e trascorrere 120 volte più tempo in missione. Il piano prevede una riduzione del 25 per cento del consumo di carburante rispetto al DDG-51 e requisiti ridotti per la logistica da combattimento della Marina. Il DDG(X) mira ad avere una migliore tenuta di mare e migliori operazioni in ambiente artico.

Il sistema di combattimento sviluppato per i cacciatorpediniere Flight III sarà avvolto in un nuovo scafo che sarebbe in grado di crescere con l’evoluzione dei sistemi d’arma, ha detto Connelly.

“Quando abbiamo aggiornato il Flight III … abbiamo preso tutta l’esperienza di servizio di quella piattaforma. Tutto lo spazio, il peso e la potenza sono stati allocati. Non c’è abbastanza spazio su quella nave per mettere una nuova capacità di combattimento che richiede più potenza o un’impronta più grande all’interno della nave”, ha detto.
“La prima nave si concentrerà su una nuova forma dello scafo e su un nuovo sistema di alimentazione integrato. Useremo il sistema di combattimento collaudato dalla Flight III, quindi stiamo progettando la nave con la flessibilità e i margini per accogliere il futuro della Marina e le esigenze di dove stiamo andando”.

L’ufficio del programma non è impegnato in un design specifico dello scafo, ma ha presentato un design di prua spazzato, angolare e bulboso che ricorda un Arleigh Burke, piuttosto che il design perforante le onde degli Zumwalt.

“Non abbiamo ancora bloccato la forma dello scafo. Questo è un concetto”, ha detto Connelly, riferendosi al disegno concettuale presentato dall’ufficio. “È una delle tante opzioni ancora in gioco. … Noi, come team di progettazione, stiamo esaminando tutte le diverse opzioni per vedere quale funziona meglio per il lungo termine e la missione”.

Le dimensioni della nave e i costi stimati rimangono poco chiari, ma potrebbe superare il miliardo per scafo, dato il costo di costruzione di una nuova Arleigh Burke e i costi di sviluppo della fregata di classe Constellation (FFG-62).

L’ufficio del programma sta ora lavorando con l’industria della difesa per perfezionare il design di base dopo aver creato una bozza di Capability Development Document che affinerà i requisiti operativi.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su