marketspy.it

la vostra finestra sul mondo

anticorpi covid-19

Nuovi anticorpi contro la Covid-19

Potrebbe non essere necessario vaccinarsi.

Gli scienziati dell’Università di Tel Aviv hanno identificato e isolato due nuovi anticorpi che sembrano avere una grande efficacia contro il SARS-CoV-2, il virus che causa la COVID-19.

Il team ha scoperto che i due anticorpi avevano un’efficacia combinata di neutralizzazione contro tutti i ceppi, compreso quello attualmente dominante, fino al 95%.

Gli anticorpi sono già stati impiegati con successo nei trattamenti. I più efficaci sono stati quelli che si legano al recettore cellulare ACE2 sulla famigerata proteina spike del virus. Come riportato in Communications Biology, gli scienziati hanno scoperto che due diversi anticorpi non utilizzati in precedenza, somministrati in alte concentrazioni, potrebbero essere un’alternativa adeguata ai vaccini, soprattutto per le persone a rischio. Potrebbero anche rendere la necessità di dosi di richiamo un ricordo del passato.

“Nell’attuale studio abbiamo dimostrato che altri due anticorpi, TAU-1109 e TAU-2310, che legano la proteina spike virale in un’area diversa da quella in cui finora si era concentrata la maggior parte degli anticorpi (e che quindi erano meno efficaci nel neutralizzare il ceppo originale), sono in realtà molto efficaci nel neutralizzare le varianti Delta e Omicron”, ha dichiarato in un comunicato la dottoressa Natalia Freund, responsabile della ricerca.

“Secondo i nostri risultati, l’efficacia del primo anticorpo, TAU-1109, nel neutralizzare il ceppo Omicron è del 92% e nel neutralizzare il ceppo Delta del 90%. Il secondo anticorpo, TAU-2310, neutralizza la variante Omicron con un’efficacia dell’84% e la variante Delta con un’efficacia del 97%”.

I due anticorpi sono stati inviati per essere testati contro virus coltivati all’Università della California San Diego e contro pseudovirus nei laboratori della Facoltà di Medicina dell’Università Bar-Ilan. Entrambi i test hanno dato gli stessi risultati incoraggianti. Il team ritiene che il vantaggio di questi due anticorpi derivi dal fatto che non attaccano il virus come fanno la maggior parte degli altri anticorpi, per cui le diverse varianti rimangono approssimativamente ugualmente suscettibili al TAU-1109 e al TAU-2310.

“L’infettività del virus è aumentata con ogni variante perché ogni volta cambiava la sequenza aminoacidica della parte della proteina spike che si lega al recettore ACE2, aumentando così la sua infettività e allo stesso tempo eludendo gli anticorpi naturali creati in seguito alle vaccinazioni”, ha spiegato il dottor Freund.

Al contrario, gli anticorpi TAU-1109 e TAU-2310 non si legano al sito di legame del recettore ACE2, ma a un’altra regione della proteina spike – un’area dello spike virale che per qualche motivo non subisce molte mutazioni – e sono quindi efficaci nel neutralizzare più varianti virali”. Questi risultati sono emersi quando abbiamo testato tutti i ceppi COVID conosciuti fino ad oggi”.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su