Paradisi Fiscali

Proposta USA: 15% imposta minima globale

Le multinazionali dovrebbero pagare almeno il 15% sui guadagni


Questa è la proposta del Dipartimento del Tesoro americano, ma il tasso finale potrebbe essere più in alto, secondo un comunicato del Tesoro, che dice il 15% è una base di discussione minima, e che si dovrebbe essere più ambiziosi, e spingere il tasso più in alto.

Le aziende con sede negli Stati Uniti attualmente pagano il 21%, un livello tagliato dall’amministrazione Trump. In precedenza, il tasso massimo era del 35%.

Secondo una proposta del presidente Biden, l’aliquota verrebbe portata al 28%, come parte di un piano per aumentare i prelievi sia sulle aziende che sui più alti guadagni.

Ma la Casa Bianca vuole estendere i suoi piani fiscali oltre confine.

La segretaria al Tesoro Janet Yellen ha spiegato i benefici di un’aliquota fiscale minima globale per le imprese, che secondo lei scoraggerebbe le aziende dal trasferire i loro domicili in altri paesi per ridurre i loro oneri fiscali, anche se la maggior parte delle loro operazioni sono negli Stati Uniti.

La signora Yellen crede “che l’architettura fiscale internazionale debba essere stabilizzata, che il campo di gioco globale deve essere equo, e che dobbiamo creare un ambiente in cui i paesi lavorano insieme per mantenere le nostre basi fiscali e garantire che il sistema fiscale globale sia equo e attrezzato per soddisfare le esigenze dell’economia globale del 21° secolo”.

La segretaria al Tesoro ha lamentato una “corsa al ribasso” tra i paesi, che tagliano le aliquote per attirare aziende straniere.

Stabilire il minimo globale aiuterebbe a ridurre questo incentivo, anche se non è chiaro quanti paesi sono disposti a partecipare.

“Il Tesoro ha chiarito che un’aliquota fiscale minima globale assicurerebbe la prosperità dell’economia globale sulla base di un campo di gioco più equo nella tassazione delle società multinazionali, e stimolerebbe l’innovazione, la crescita e la prosperità, migliorando l’equità per la classe media e i lavoratori”.

La notizia è arrivata dopo gli incontri di un gruppo direttivo all’interno dell’OCSE, incontri improntati dal Tesoro americano sui iniziative serie per una tassa globale, di cui si discuterà forse anche in ambito G7.

Il vicesegretario al Tesoro degli Stati Uniti, Wally Adeyemo ha detto che si aspetta un forte sostegno da parte dei membri del G7 sulla proposta di Washington, appoggio che dovrebbe aiutare a solidificare il sostegno nel Congresso degli Stati Uniti per la legislazione americana per le imposte sulle imprese.

“La mia sensazione è che vedremo un forte sostegno unitario nel G7 andando avanti”, ha detto Adeyemo alla Reuters dopo che Francia, Germania, Italia e Giappone hanno commentato positivamente la proposta del Tesoro americano.

Sostegno che potrebbe venire dalla riunione dei ministri delle finanze del G7, a Londra, il 4-5 giugno, ha detto Adeyemo.

L’ottimismo su un accordo globale, a lungo cercato, su come tassare le più grandi multinazionali e società di servizi digitali è aumentato da quando il Tesoro la scorsa settimana ha detto che avrebbe accettato un’aliquota fiscale minima globale del 15% o superiore, ben al di sotto del minimo del 21% proposto dall’amministrazione Biden per i reddito all’estero delle aziende statunitensi e del 28% proposto per l’imposta interna sulle società.

Il Financial Times ha riferito che i paesi del G7 sono vicini ad un accordo sulla tassazione aziendale delle imprese multinazionali. Mentre i colloqui si svolgono tra quasi 140 paesi attraverso l’OCSE, i paesi del G7 – Stati Uniti, Giappone, Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia e Canada – influenzano le decisioni multilaterali.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su