marketspy.it

la vostra finestra sul mondo

zoozsystem

Ricarica in 15 minuti per gli EV

Stanno per arrivare in Europa i sistemi di Zooz Power

Una società israeliana che ha sviluppato un sistema di ricarica veloce per veicoli elettrici, basato sulla tecnologia del volano cinetico, sta portando avanti i primi accordi commerciali in Europa, Stati Uniti e Israele.

Il sistema, sviluppato da Zooz Power, (zooz significa “muoversi” in ebraico), prende energia dalla rete per far girare otto ruote d’acciaio per unità, 17.000 volte al minuto. Ogni ruota pesa circa mezza tonnellata. Il processo converte l’energia elettrica in energia cinetica. Quando un veicolo arriva a ricaricarsi, la rotazione viene rallentata per trasformare quell’energia cinetica in energia elettrica e scaricarla nella batteria del veicolo a un’intensità tale che la batteria si ricarica completamente in circa 15 minuti.

Mentre le batterie chimiche si indeboliscono nel tempo, il sistema cinetico produce sempre lo stesso livello di elettricità.

L’impronta del sistema Zooz Power, dalla produzione, catene di approvvigionamento, funzionamento e riciclaggio, produce 23 volte meno emissioni equivalenti di CO2 per kWh rispetto a una batteria al litio.

In 15 anni, Zooster-100 estrae 666.667 kWh dalla rete, crea 600.000 kWh di energia cinetica e rilascia 540.000 kWh di ricarica.

Cinque unità saranno installate in Germania, due a Francoforte; due a Herrenberg, e un altro da determinare.

Negli Stati Uniti, due progetti pilota sono previsti per inizio 2023: uno a Rock Hill, nella Carolina del Sud, con la società Arko, un grande operatore di minimarket, e l’altro con Blink Charging, vicino a Miami.

Il primo pilota di Zooz Power opera all’aeroporto di Vienna dal 2018.

In linea con l’impegno del presidente Biden di creare una rete nazionale di 500.000 punti di ricarica per veicoli elettrici entro il 2030, tutti gli stati hanno presentato piani di implementazione dell’infrastruttura EV.

Quattro stazioni di ricarica da 150 kilowatt saranno disponibili ogni 80 chilometri lungo le strade interstatali tra quest’anno e il 2026.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su