Rf8e3eef6bd1179e4d9302d59045ab1ef

Un buco nero non lontano da noi

La deformazione di una stella ne ha permesso la scoperta


Scoperto un buco nero con appena tre volte la massa del Sole, uno dei più piccoli trovati fino ad oggi, nonché il buco nero più vicino conosciuto, a soli 1.500 anni luce dalla Terra.

La scoperta “implica che ci sono molti più piccoli buchi neri che potremmo trovare se aumenta il volume di spazio esplorato”, dice Tharindu Jayasinghe, un astronomo della Ohio State University, e autore principale di un nuovo documento che dettaglia la scoperta nelle note mensili della Royal Astronomical Society. La scoperta “dovrebbe creare

Jayasinghe e i suoi colleghi hanno soprannominato l’oggetto “unicorno”, in parte perché è unico, e in parte perché è stato trovato nella costellazione di Monoceros, chiamato dagli astronomi antichi dal greco per unicorno. Studiando questo unicorno e altri oggetti simili, i ricercatori sperano di ottenere un quadro più chiaro di ciò che accade alle stelle nei momenti finali della loro vita e perché alcune di esse collassano per diventare buchi neri mentre altre lasciano dietro lè cosiddette stelle di neutroni.

Poiché nessuna luce può sfuggire da un buco nero, essi possono essere rilevati solo con mezzi indiretti. La maggior parte dei buchi neri conosciuti sono stati trovati cercando i raggi X emessi quando l’oggetto invisibile estrae materiale da una stella compagna orbitante. Quando questo materiale si riscalda in un anello denso intorno al buco nero, noto come disco di accrescimento, emette radiazioni che possono essere rilevate con i telescopi a raggi X.

L’unicorno, tuttavia, è stato trovato con un metodo diverso. Il team di Jayasinghe ha utilizzato i dati di diversi osservatori per misurare i cambiamenti periodici nella luminosità e nello spettro della luce proveniente dalla stella gigante rossa V723 Mon. Questi tipi di osservazioni sono stati utilizzati per diversi decenni per cercare esopianeti, che possono essere estremamente difficili da individuare direttamente.

Il team ha dedotto che un oggetto compagno invisibile sta tirando la gigante rossa, distorcendola a forma di goccia. I dati danno la massa combinata di entrambi gli oggetti, e se la stella è più pesante della stima del team, è possibile che l’oggetto invisibile sia una stella di neutroni. Ma il team ritiene che il compagno sia molto probabilmente un piccolo buco nero.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su