marketspy.it

la vostra finestra sul mondo

well aged lady

Un farmaco allunga la vita.

Dai senolitici un +30% di vita

I ricercatori della Mayo Clinic affermano che i farmaci senolitici possono aumentare una proteina chiave nel corpo che può proteggere le persone anziane dagli aspetti dell’invecchiamento e da una serie di malattie. I loro risultati, pubblicati su eBioMedicine, lo dimostrano nei topi e negli studi sull’uomo.

I senolitici sono stati sviluppati presso la Mayo Clinic e somministrati una volta liberato il flusso sanguigno dalle cellule senescenti o “zombi”. Queste cellule contribuiscono a molteplici malattie e agli aspetti negativi dell’invecchiamento. Questo studio mostra che la rimozione delle cellule senescenti aumenta significativamente la produzione di una proteina protettiva chiamata a-klotho.

Le cellule zombi (che nella comunità scientifica sono chiamate cellule senescenti) sono cellule che “si rifiutano di morire”.

Una cellula in genere inizia come normale, svolgendo il suo lavoro per supportare il corpo. Quindi, potrebbe soffrire di una sorta di stress, che si tratti di stress ossidativo, un’infezione virale o un altro fattore. Quello stress fa sì che la cellula faccia una delle tre cose: ripararsi, morire o diventare una cellula zombi.

Ora, le cellule zombi non sono tutte cattive. La ricerca del 2017 mostra che la senescenza cellulare (la trasformazione di cellule normali in cellule zombi) è una risposta benefica alla crescita del tumore. Invece di moltiplicarsi senza controllo e aiutare a formare un tumore, una cellula diventerà uno zombi e cesserà di crescere.

Tuttavia, le cellule zombi in altri contesti hanno effetti negativi. Con l’avanzare dell’età, si accumulano nel corpo. Possono rendere difficile per il corpo riparare i tessuti e possono rilasciare sostanze chimiche che danneggiano le cellule normali vicine. In effetti, la ricerca collega le cellule zombi a diverse malattie legate all’età, tra cui l’aterosclerosi (una forma di malattia cardiaca), il diabete e le malattie polmonari.

I senolitici sono una classe specifica di farmaci che aiutano a eliminare le cellule zombi. “Mostriamo che esiste una strada per un approccio a piccole molecole attivo per via orale per aumentare questa proteina benefica e anche per amplificare l’azione dei farmaci senolitici”, afferma James Kirkland, MD, Ph.D., internista e senior della Mayo Clinic autore dello studio.

I ricercatori hanno prima dimostrato che le cellule senescenti riducono i livelli di a-klotho in tre tipi di cellule umane: cellule endoteliali della vena ombelicale, cellule renali e cellule cerebrali. Hanno anche dimostrato che utilizzando il senolyitics desatinib più quercitina in tre tipi di topi, l’a-klotho era aumentato. E poi, dopo la somministrazione di desatinib più quercitina nei partecipanti a studi clinici con fibrosi polmonare idiopatica, anche l’a-klotho è aumentato.

“Siamo anche i primi a collegare il potenziale impatto delle cellule senescenti residenti nel grasso sul cervello”, afferma Yi Zhu, Ph.D., fisiologo e ingegnere biomedico della Mayo Clinic e primo autore dello studio. “Questo potrebbe aprire un’altra strada per studiare l’impatto delle cellule senescenti periferiche sull’invecchiamento cerebrale”.

La proteina a-klotho è importante per mantenere una buona salute, poiché tende a diminuire con l’età e soprattutto diminuisce in molteplici malattie, tra cui l’Alzheimer, il diabete e le malattie renali.

Studi sugli animali hanno dimostrato che la diminuzione di a-klotho nei topi riduce la durata della vita e l’aumento di a-klotho nei topi inserendo un gene che provoca la sua produzione aumenta la durata della vita del 30%.

Scoprire modi per aumentare l’a-klotho negli esseri umani è stato un obiettivo di ricerca importante, ma è stato difficile a causa delle sue dimensioni e dell’instabilità. Somministrarlo direttamente è problematico, poiché dovrebbe essere somministrato in vena anziché per bocca.

Questo studio mostra che i senolitici, che possono essere somministrati per via orale, aumentano l’a-klotho negli esseri umani con fibrosi polmonare idiopatica, una malattia associata alla senescenza che porta a fragilità, gravi difficoltà respiratorie e morte.

Il senolitico dasatinib non è disponibile come farmaco da banco. Ma la quercetina è disponibile come supplemento.

Si può aumentare l’assunzione di quercetina mangiando più cipolle, mele (con la buccia!), agrumi e prezzemolo.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su