Payrolls april

USA, solo 266K nuovi posti ad aprile

Analisti e politici si aspettavano un numero enorme di nuovi posti di lavoro: 1 milione, ed alcuni anche più di 2 milioni, e quindi pochi erano preparati a così poco, tant’è vero che i più pessimisti ne prevedevano almeno 800.000.

E invece, il mercato, in modo molto brutale, ha detto che i nuovi posti sono solo 266.000, il che dimostra l’enorme discrepanza fra i teorici e la realtà dell’economia, che mostra che fra febbraio e marzo si sono persi 78.000 posti di lavoro.

I dati dell’Household Survey hanno mostrato che mentre il numero di occupati è aumentato di 328.000, per un totale di 151,176 milioni il numero di disoccupati è aumentato, per la prima volta da mesi, da 9,710 milioni a 9,812 milioni.

Anche il tasso di disoccupazione è salito, al 6,1%, ben al di sopra del 5,8% previsto.

Nel frattempo, l’occupazione per chi non ha un’istruzione universitaria era ancora dell’8,3% al di sotto dei livelli pre-pandemici in aprile, contro il 9% di marzo.

I deludenti dati di aprile lasciano l’occupazione ad un livello inferiore al livello pre-pandemia, ed è coerente con i recenti commenti delle aziende, che evidenziano la difficoltà a riempire le posizioni aperte. Mentre i i salari sono saliti nel settore tempo libero e ospitalità, l’occupazione in posti di lavoro temporanei, nei trasporti e nei magazzini è diminuita bruscamente.

Le ragioni sono da ricercare anche negli stimoli monetari del governo americano, che non favoriscono le imprese che cercano lavoratori a basso reddito, e questo nuovo tipo di disoccupazione “volontaria” stimolerà il governo a varare altri stimoli in quello che è un circolo vizioso e quasi un UBI involontario.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su