vs

Victoria’s Secret elimina gli Angeli

Non più super model per una campagna “What Women Want”


Victoria’s Secret ha costruito il suo impero vendendo lingerie alle donne, ma è sempre stata la visione di un maschio a definire il suo marchio. E maschio era Leslie Wexner, che ha acquistato la società nascente nel 1982 per $1 milione, facendola crescere fino a diventare il formidabile gigante della vendita al dettaglio che è oggi. L’immagine di Victoria’s Secret ha sempre riflesso uno sguardo maschile, rendendo le donne oggetti di pura fantasia quando le modelle era chiamate angeli.

L’azienda sta cercando di cambiare di allontanarsi da questo modello, che è basato sul concetto “What men want” per sposare quello di “What Women Want” più adatto ad un epoca dove la mercificazione del corpo della donna è ormai un paradigma non più accettabile.

Il nuovo consiglio di amministrazione è composto da sei donne e un uomo, così come il VS Collective, un gruppo di sette donne realizzate nei loro campi che consiglieranno l’azienda e la rappresenteranno pubblicamente. Include la stella del calcio Megan Rapinoe, l’attrice Priyanka Chopra Jonas e Valentina Sampaio, che nel 2019 è diventata la prima modella transgender assunta dall’azienda. L’azienda è anche in procinto di eliminare gradualmente le immagini degli angeli, ha detto al New York Times.

Quindi non più Gigi Hadid, Kendall Jenner o Heidi Klum, che saranno progressivamente sostituite da donne di diversa bellezza e non solo appartenenti al mondo della moda. 

Fra i nuovi arrivi c’è Paloma Elsesser, una modella britannica che lavora per promuovere la positività del corpo per tutte le donne, non solo quelle che si adattano all’ex stampo magro di Victoria’s Secret, Eileen Gu, una campionessa di freeski che gareggerà alle Olimpiadi di Pechino l’anno prossimo, Adut Akech, una modella ed ex bambina rifugiata nata nel Sud Sudan, Amanda de Cadenet, una giornalista britannica e sostenitrice dell’uguaglianza.

Victoria’s Secret si prepara ad essere scorporata

La nuova iniziativa di marketing arriva in concomitanza con la decisione di scorporare Victoria’s Secret in una società autonoma dopo anni di permanenza accanto a Bath & Body Works nel portafoglio della società madre L Brands.

Wexner si è ritirato come amministratore delegato nel 2020, e quest’anno ha lasciato il consiglio della società. Le vendite dell’azienda – 7,5 miliardi di dollari nel 2019, prima di precipitare a causa della pandemia – hanno subito uno scivolamento prolungato mentre la sua immagine sesso centrica, professionalmente spennata e tonificata è diventata una responsabilità, creando opportunità per nuovi rivali che hanno mostrato una gamma diversificata di corpi femminili.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su