China's Wuhan Upgrades Flooding Response Level Due To Torrential Rain

Il clima impazzito colpisce i contadini in Cina

Il paese che inquina di più ne subisce le conseguenze

Tre mesi dopo che le piogge torrenziali hanno inondato gran parte della provincia centrale di Henan, ci sono ancora aree delle pianure nel cuore agricolo della Cina ancora sotto diversi centimetri d’acqua.

È una delle tante calamità in tutto il mondo che rendono urgente il vertice sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, in Scozia.

I contadini non hanno raccolto, niente, perchè hanno perso il raccolto estivo, a causa delle inondazioni, e alla fine di ottobre la terra era ancora troppo bagnata per piantare il raccolto della stagione successiva, il grano invernale. Nelle fattorie vicine, piante di fagioli appassiti e cavoli in decomposizione incombono nell’acqua stagnante, circondati dalle mosche. Alcune delle spighe di grano possono essere recuperate, ma poiché le foglie sono ammuffite possono essere vendute solo come mangime per animali, il che riduce il prezzo.

Le inondazioni sono le peggiori che gli agricoltori dell’Henan come Wang possano ricordare in 40 anni, ma sono anche un’anticipazione degli eventi estremi che il paese potrebbe dover affrontare mentre il pianeta si riscalda e le condizioni meteorologiche da cui dipendono gli agricoltori sono sempre più destabilizzate.

Man mano che l’atmosfera si riscalda, l’aria può trattenere più umidità, quindi quando si verificano tempeste possono esserci precipitazioni più estreme, un cambiamento climatico causato dall’uomo abbia causato l’estrema inondazione che hai visto quest’estate in luoghi come la Cina e l’Europa.

La Cina, il paese più popoloso del mondo con 1,4 miliardi di persone, è ora il maggior contribuente al cambiamento climatico, responsabile di circa il 28% delle emissioni di anidride carbonica che riscaldano il pianeta, sebbene gli Stati Uniti siano il più grande emettitore a livello storico.

Mentre i leader mondiali hanno partecipato al vertice sul clima questa settimana, la Cina è stata presa di mira per non aver fissato un calendario più ambizioso per abbandonare i combustibili fossili. Il presidente Xi Jinping, che non ha lasciato la Cina dall’inizio della pandemia di COVID-19 e non parteciperà al vertice, sebbene abbia inviato un negoziatore veterano, ha affermato che il paese raggiungerà le emissioni a zero emissioni di carbonio entro il 2030. I critici affermano che non lo è abbastanza.

Le previsioni del governo cinese dipingono un futuro preoccupante: un aumento del livello del mare che minaccia le città costiere come Shanghai, Guangzhou e Hong Kong e uno scioglimento dei ghiacciai e del permafrost che metterebbe a repentaglio l’approvvigionamento idrico della Cina e i principali progetti idrici. l’altopiano tibetano.

I principali scienziati del governo prevedono anche un aumento di siccità, ondate di calore e acquazzoni estremi in tutta la Cina che minacciano i raccolti e mettono in pericolo i bacini idrici e le dighe, inclusa la diga delle Tre Gole.

Nel frattempo, le persone in Cina stanno già subendo il colpo del cambiamento climatico. E in uno schema che si ripete in tutto il mondo, coloro che hanno contribuito meno al riscaldamento e hanno meno risorse per adattarsi spesso soffrono di più per i suoi effetti.

Alla fine di luglio, i notiziari in Cina hanno iniziato a trasmettere immagini di piogge torrenziali che inondavano la capitale provinciale Zhengzhou nell’Henan. Ad un certo punto, 20 centimetri (8 pollici) di acqua sono caduti in un’ora. L’acqua ha spazzato via le auto, ha allagato la metropolitana e ha costretto le persone a guadare le strade nell’acqua fino alla cintola. Più di 300 persone sono morte quando la megalopoli è diventata una Venezia per caso, con le sue autostrade trasformate in canali fangosi. Anche quando sono passati i temporali più drammatici, l’acqua ha continuato a inondare i campi vicini, una zona pianeggiante e fertile.

L’economia locale dipende da mais, grano e verdure, e altre regioni della Cina dipendono dal cibo prodotto nell’Henan. Quasi 1,2 milioni di ettari (3 milioni di acri) di terreni agricoli sono stati allagati, secondo il governo locale, che ha stimato danni per 18 miliardi di dollari.

La Cina ha registrato un altro disastro naturale legato al clima quest’estate. A luglio, il mese più caldo mai registrato sul pianeta da 142 anni, secondo gli esperti meteorologici statunitensi, un’enorme massa di alghe blu-verdi tossiche si è diffusa su 1.748 chilometri quadrati (675 miglia quadrate) di acque costiere fuori dalla fiorente città di Qingdao, e complicata navigazione, pesca e turismo.

Le notizie di stato hanno mostrato immagini di persone che rimuovevano mucchi di alghe con i camion.

Un’altra minaccia per le province costiere cinesi è l’innalzamento del livello del mare. I registri del governo mostrano che il mare è già aumentato di circa 122 millimetri (4,8 pollici) tra il 1980 e il 2017 e stima che nei prossimi 30 anni potrebbe aumentare tra 70 e 160 millimetri (da 2,8 a 6,3 pollici).

Poiché gran parte delle aree costiere cinesi sono pianeggianti, “un leggero aumento del livello del mare aggraverà l’allagamento di un ampio tratto di terra”, distruggendo lussuose proprietà balneari e habitat cruciali, secondo un rapporto del governo.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su