marketspy.it

la vostra finestra sul mondo

gutierrez mongolia alberi

Il segretario ONU pianta alberi in Mongolia

Il paese asiatico vuole piantare un miliardo di alberi

L’arrivo di Guterres segna la quinta visita di un segretario generale delle Nazioni Unite in Mongolia e la prima dopo quella di Ban Ki-moon nel 2009.

Uno dei punti salienti del contributo della Mongolia all’attività delle Nazioni Unite sono state le operazioni di mantenimento della pace; a giugno, la Mongolia ha organizzato una conferenza incentrata sulle donne che operano nel mantenimento della pace. Non a caso, Guterres ha sottolineato questo aspetto dell’impegno mongolo in una visita a un monumento dedicato alle forze di pace a Ulaanbaatar.

Sebbene la Mongolia sia rappresentata in molti organismi delle Nazioni Unite, di recente sembra aver abbandonato in sordina la candidatura al Consiglio di Sicurezza dell’ONU per sostenere quella del Giappone. Tuttavia, Guterres ha elogiato l’impegno della Mongolia con le Nazioni Unite e ha menzionato i suoi numerosi contributi alla non proliferazione attraverso la sua dichiarazione di assenza di nucleare e il suo impegno nel multilateralismo in generale. Ha elogiato il Paese come “simbolo di pace in un mondo tormentato”.

Dopo aver partecipato alla COP26 nel 2021, il presidente mongolo Khurelsukh Ukhnaa ha annunciato l’avvio di una campagna per piantare 1 miliardo di alberi in Mongolia. Questa iniziativa è stata presentata come una risposta o un tentativo di mitigazione dell’emergenza climatica, ma è anche un progetto di abbellimento della nazione.

La posizione geografica della Mongolia, con altezze elevate e un clima continentale estremo, la rende un ambiente difficile per la crescita degli alberi. Le foreste coprivano oltre il 10% del territorio fino agli anni ’80, ma da allora si sono ridotte all’8% a causa dei cambiamenti climatici e dello sfruttamento attivo. La maggior parte delle foreste si trova nella parte centro-settentrionale della Mongolia, nella zona di transizione tra il margine meridionale della grande foresta boreale siberiana (la taiga) e la steppa dell’Asia centrale, rendendola sensibile e vulnerabile ai cambiamenti. Esiste una correlazione tra la copertura forestale del suolo e il permafrost, per cui il degrado di quest’ultimo sta aumentando lo stress per la resilienza delle foreste, la capacità delle foreste di resistere alle perturbazioni e di mantenere le funzioni di base. Inoltre, altri fattori come incendi, siccità, infestazioni di insetti, bestiame e disboscamento stanno aumentando la pressione.

L’annuncio del progetto One Billion Trees è stato una sorpresa, che si è riflessa nelle reazioni dei mass media e dei social media. Sebbene il progetto corrisponda alla necessità di ripristino per fermare la desertificazione (che sta trasformando l’80% del territorio mongolo) e sia in linea con le iniziative globali di piantare alberi per mitigare gli effetti del riscaldamento globale, ha suscitato reazioni contrastanti ricordando i risultati di precedenti iniziative simili. Il piano è piuttosto ambizioso, ma fattibile e non unico; per anni i governi mongoli hanno cercato di piantare alberi due volte l’anno. Un altro grande movimento in corso è il cosiddetto Green Belt National Program, un’iniziativa congiunta di Mongolia e Corea del Sud che intende piantare alberi in tre fasi dal 2005 al 2035 per contrastare la desertificazione. Nell’ambito di questo programma, è prevista una striscia verde di 3.700 chilometri per collegare l’est e l’ovest del Paese. Tuttavia, i risultati della prima fase (2005-2015) hanno annunciato di aver piantato solo il 12% del numero di alberi proposto. Ciononostante, l’iniziativa Green Belt è ancora in corso e nel dicembre 2021 si è tenuto un incontro ufficiale per coordinare questo programma con il progetto One Billion Tree.

Ad oggi, l’iniziativa di piantare alberi è condotta con un entusiasmo che ricorda un po’ i subbotnik comunisti del passato. Gli Aimag (province), le città e anche le unità amministrative più piccole riferiscono di aver piantato migliaia di alberi e molti altri hanno in programma di piantarne milioni negli anni a venire. Complessivamente, l’1% del PIL della Mongolia sarà destinato al finanziamento del progetto. Entità commerciali e banche stanno donando attivamente al progetto e persino il corpo diplomatico è stato coinvolto negli eventi. Le 21 principali società minerarie operanti in Mongolia hanno confermato la loro disponibilità a piantare 608,5 milioni di alberi. Entro marzo 2022, 1.000 arboristi sono stati formati per prendersi cura degli alberi dopo la loro piantumazione.

L’albero che Guterres ha piantato insieme a Khurelsukh fuori Ulaanbaatar non si aggiunge al numero di alberi, ma ha aggiunto un grande valore simbolico.

È chiaro che la visita di Guterres è giunta in un momento difficile per il governo mongolo. Questo è stato giustamente segnalato dal precedente visitatore di Ulaanbaatar: il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, che si è recato sul posto l’8 agosto, il giorno prima dell’atterraggio di Guterres. Solo un mese prima era passato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

La Mongolia si è sempre sentita schiacciata tra i suoi due vicini prepotenti, ma lo è ancora di più ora, quando il regime di Putin sta chiaramente curando il favore del regime di Xi, uno sviluppo che raramente è sinonimo di buone notizie per la politica estera mongola. Allo stesso tempo, alcuni elementi della società civile mongola sono contrariati dalla mancanza di una chiara condanna dell’aggressione russa all’Ucraina.

È in questo contesto che il Primo Ministro Oyun-Erdene Luvsannamsrai ha scelto di dare risalto a un progetto idroelettrico nella Mongolia occidentale che presumibilmente è stato anche oggetto di discussioni con Wang, ma che, insieme ad altri progetti idroelettrici, è osteggiato dalla Russia per motivi ambientali piuttosto inconsistenti.

L’importanza simbolica delle visite ufficiali all’estero è sempre stata molto apprezzata in Mongolia. La visita di Guterres è stata quindi ampiamente riportata dai media mongoli, anche se gran parte della capitale è in vacanza in questo periodo estivo. Non è chiaro se questo tipo di gesti possa effettivamente placare i timori dei governi nordamericani ed europei riguardo alla precaria posizione della Mongolia e al suo conseguente vacillamento nell’impegno per la democrazia. Le relazioni con le Nazioni Unite rimangono un terreno neutro che la Mongolia ha a lungo enfatizzato nella sua politica estera e il tono molto positivo della visita di Guterres è stato in qualche modo una ricompensa per l’attuale governo.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su