orso bianco su ghiacci

L’Artico bolle e i leader parlano di clima

Riunione in Islanda dell’Arctic Council, che riunisce gli stati che si affacciano sull’Artico, che intanto ha raggiunto temperature di 30 gradi centigradi in parti della Russia artica, il doppio delle temperature normali in questo periodo dell’anno, una prova che l’Artico si sta scaldando più velocemente del resto del pianeta.

L’ondata di caldo artico ha coinciso con il 12° incontro ministeriale del Consiglio Artico a Reykjavik, Islanda, dove all’ordine del giorno c’erano: cambiamento climatico, navigazione artica, salute umana e innovazione nelle comunità artiche.

Il segretario di stato americano Antony Blinken era in rappresentanza degli Stati Uniti. Blinken è un convinto sostenitore dell’azione per il clima e ha lavorato per conto del presidente Biden per rafforzare la cooperazione internazionale sul cambiamento climatico da quando ha prestato giuramento all’inizio di quest’anno.

La priorità della Casa Bianca è il cambiamento climatico, una questione di cui Blinken ha parlato a lungo prima della riunione. Alla riunione, Blinken ha detto che gli Stati Uniti intendono fornire fino a $1 milione per promuovere gli sforzi di protezione ambientale del Consiglio Artico. Non una grande cifra, ma è in netto contrasto con il 2019, quando il delegato del presidente Trump alla riunione ha ostacolato una dichiarazione che avrebbe incluso le parole “cambiamento climatico“.

Le alte temperature artiche di questa settimana possono essere tra le più gravi registrate per maggio, ma non è l’ondata di calore più scioccante che la regione abbia sperimentato negli ultimi anni. Lo scorso giugno, le temperature nella città siberiana di Verkhoyansk hanno raggiunto un massimo storico di 37 gradi centigradi, il doppio della media. Le temperature nell’Artico stanno aumentando ad un tasso che è due volte più veloce di quello del resto del mondo. E gli scienziati stimano che entro la metà del secolo, l’Artico potrebbe essere totalmente privo di ghiaccio nei mesi estivi. Nel 2019 e nel 2020 gli incendi hanno bruciato vaste porzioni di terra in regioni molto al di sopra del Circolo Polare Artico – altro segno dell’accelerazione del cambiamento climatico.

Sarebbe eccezionale in qualsiasi periodo dell’anno, ma sconvolgente a maggio“, ha twittato Scott Duncan, meteorologo inglese.

Da un punto di vista climatico, l’evoluzione dell’Artico da distesa di ghiacci a pantano molliccio è preoccupante. Ma per alcuni membri del Consiglio Artico, in particolare la Russia, il cambiamento climatico è un’opportunità economica. Lo scioglimento dei ghiacci presenta nuove possibilità di rotte commerciali, qualcosa per cui la Russia si sta preparando con una nuova e migliore flotta di navi rompighiaccio. Il cambiamento climatico sta anche rendendo più facile scandagliare le risorse sepolte dell’Artico, come il petrolio.

I negoziati sull’equilibrio tra considerazioni ambientali ed economiche nella regione stanno diventando una fonte di tensione sempre più grande tra gli Stati Uniti e la Russia, le due maggiori potenze geopolitiche dell’Artico. Ma prima del 12° incontro ministeriale, almeno, entrambe le nazioni hanno promesso di giocare bene. “La nostra visione … è una visione di cooperazione”, ha detto alla Reuters, l’inviato del Dipartimento di Stato americano per l’Artico Jim de Hart.

“Non abbiamo alcun attrito”, ha detto il funzionario russo del Consiglio artico Nikolai Korchunov.

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su pocket
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Torna su