marketspy.it

la vostra finestra sul mondo

Eine Portion Pommes mit Cola im Einweggeschirr

Sostanze chimiche eterne negli involucri dei fast food

I PFAS non possono decomporsi nell’ambiente

Un’analisi di Consumer Reports sui “prodotti chimici eterni”, i famigerati PFAS, ha mostrato che questa classe di sostanze chimiche è presente in quantità eccessiva nei contenitori ed incarti di popolari catene di fast food.

I più alti indicatori di PFAS, 876 ppm (parti per milione) trovati in un sacchetto di patatine e 816 ppm per un altro. La Danimarca, ad esempio, consente un massimo di 20 ppm, con la California che punta a meno di 100 ppm entro il 2023.

“Sappiamo dai nostri test che è fattibile utilizzare imballaggi con livelli di PFAS molto bassi”, ha detto Brian Ronholm, direttore della politica alimentare di CR. “Quindi la buona notizia è che ci sono passi che le aziende possono fare ora per ridurre l’uso di queste sostanze chimiche pericolose”.

Consumer Reports ha testato 118 prodotti alimentari, con campioni multipli provenienti da oltre due dozzine di negozi e ristoranti fast food in Connecticut, Mississippi, New Jersey, New York e Texas.

I campioni sono stati raccolti tra agosto e novembre dell’anno scorso, e i risultati non rappresentano tutti i prodotti degli stabilimenti, e le imprese potrebbero aver cambiato le loro confezioni nel momento in cui il rapporto è uscito.

La sostanza chimica influenza negativamente il sistema immunitario e la risposta alle malattie.

Il gruppo raccomanda perciò di evitare esercizi noti per l’alto contenuto di PFAS nelle confezioni, di togliere il cibo dalle confezioni il più presto possibile e di non riscaldare il cibo nella sua confezione originale.

CONDIVIDI QUESTO POST

Torna su